Sardex domani a Roma

Nicola Pirina e Roberto Spano racconteranno la nascita e lo sviluppo dell’azienda nella sede del BIC Lazio.

Un racconto a due voci per: ripercorrere la nascita dell’azienda, spiegare il modello e il suo impatto sui territori e tratteggiare il futuro delle monete complementari. Il Circuito protagonista domani a Roma; l’appuntamento “Sardex.net: da startup di successo a impresa innovativa nel panorama globale del Fintech” è nello Spazio Attivo Bic Lazio, in via Casilina 3T a partire dalle 14. Nicola Pirina e Roberto Spano, rispettivamente direttore generale e amministratore delegato dell’azienda rifletteranno sui temi legati alla moneta complementare e alle economie locali alla luce dell’esperienza maturata con Sardex. Per partecipare all’incontro, che è gratuito, occorre cliccare qui per accedere e compilare il form.

L’iniziativa si inserisce in un programma più ampio che vede Sardex partner tecnico sulla strategia S3 (strategia europea relativa alla specializzazione intelligente) di Bic Lazio. Il Bic (Business innovation centre) è struttura della Regione Lazio, presente in modo capillare sul territorio regionale dove gestisce sei incubatori, ciascuno dei quali con una specializzazione prevalente: industrie culturali e creative; applicazioni delle tecnologie spaziali; sistemi agrifood e forestali; efficienza energetica, elettronica e sostenibilità ambientale; meccanica e sistemi di automazione; scienze della vita ed economie del mare.

Attenzione, quella alle imprese innovative, che costituisce il tratto comune con Sardex. «Siamo interessati a tutte le imprese innovative, ovunque esse si trovino – sottolinea l’amministratore delegato Roberto Spano – pertanto collaborazioni come questa col Bic Lazio rientrano a pieno titolo nella nostra mission. Noi gettiamo dei semi e ci curiamo affinché germoglino e diventino piante di buone pratiche».

Frutto di un progetto diventato concreto e operativo nel 2010, in sei anni di attività Sardex.net ha saputo conquistare la fiducia di oltre 3 mila 500 imprese e professionisti sardi che si scambiano beni e servizi tra loro usando un’unità di conto digitale. Nel solo 2015 il volume di beni e servizi generati all’interno di Sardex.net è stato pari a 51 milioni di euro equivalenti (1 SRD=1 EU).

A partire dal 2014, il modello è stato esportato al di fuori dei confini isolani, in altre dieci regioni italiane tra cui il Lazio dove è presente il Circuito Tibex.net. Complessivamente le pmi che aderiscono ai vari Circuiti di Credito Commerciale sono più di 7 mila.  «Il nostro obiettivo – evidenzia Nicola Pirina – è rafforzare le economie locali, aiutando il tessuto imprenditoriale a irrobustirsi con un sistema che si fonda sulla reciprocità e sulla fiducia, valori che permettono di dispiegare al meglio quel potenziale inespresso presente in ogni azienda».

 

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni