Sa Spiseddadura, a dicembre Famiglia Orro apre le porte della sua azienda

Giunge alla sua IX edizione “Sa Spiseddadura” , l’evento con il quale sabato 5 dicembre 2015 dalle 18:00 fino alle 24:00, la Famiglia Orro apre le porte della propria azienda.

La Famiglia Orro è un’azienda agricola a conduzione familiare e fattoria didattica che già da nove anni organizza “Sa Spiseddadura”, l’evento che rinnova ogni anno il rito tradizionale della spillatura della Vernaccia di Oristano.

Sa-Spiseddadura-famiglia-orro-tramatza-sardex-antasL’azienda si trova a Tramatza, paese della Sardegna centro occidentale. Per “Sa Spiseddadura” sabato 5 dicembre, dalle 18:00 fino alle 24:00, la Famiglia Orro aprirà le porte della propria azienda. La manifestazione, come già nelle precedenti edizioni (a partire da quella, nel 2007, avvenuta in concomitanza con l’inaugurazione dell’azienda) nasce per rinnovare ogni anno il rito della spillatura della Vernaccia che, secondo antica tecnica, utilizza una porzione di canna sapientemente selezionata, “su piseddu”, da inserire in appositi fori praticati nelle botti per permettere la spillatura del prezioso vino.

La proposta di Sa Spiseddadura ha voluto sempre costituire, sin dalla sua prima edizione, un’occasione di conoscenza della cultura rurale, di circolazione del sapere degli anziani e di contatto tra i giovani del territorio. Sabato 5 dicembre la tradizione sarà di nuovo al centro di una importante giornata di cultura che porrà in confronto costruttivo le piccole ma importanti realtà locali del territorio.

Sa-Spiseddadura-famiglia-orro-tramatza-sardex-antasPresso l’Azienda Orro i visitatori potranno prendere parte al rito dello Spiseddai, lungo il percorso delle tre botti contenenti le tre differenti annate di produzione (2007, 2010, 2015) e non solo. La manifestazione prevede altre perfomance e iniziative: ci sarà la musica dei King Howl, gruppo hard blues sardo nel giro musicale internazionale; si dialogherà con Pierpaolo Fadda e Simone Riggio, rispettivamente direttore editoriale e art director di Antas, la rivista di cultura sarda; si potrà vedere all’opera Roberto Ziranu, artista del ferro di Orani ed emozionarsi con la poetica delle immagini di Gianfranco Casu, fotografo di Oristano; inoltre, gustare lo street food di qualità preparato con i prodotti di eccellenza del territorio da Riccardo Porceddu, chef dell’Antica Dimora del Gruccione.

Passione per il proprio lavoro, cultura della ricerca, promozione e tutela del territorio sono i principi che accomunano le aziende partner di “Sa Spiseddadura” e che hanno motivato la loro scelta di condivisione della manifestazione.

FAMIGLIA ORRO

L’azienda si sviluppa su 20 ettari di superficie dove si coltivano vite, olivo e ortaggi. Tutte le produzioni sono trasformate sul posto, i vini presso la cantina e gli ortaggi presso il laboratorio alimentare aziendale. Il lavoro è ispirato e guidato da alcuni principi e criteri fondamentali che da parte di Davide, titolare dell’azienda, sono stati assunti con responsabilità e puntiglio direttamente dal babbo e prima ancora dal nonno: la difesa della biodiversità, lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile, la ricerca per l’innovazione nella tutela del sapere della tradizione. Per questo in azienda si coltivano unicamente varietà autoctone, come i vitigni Vernaccia di Oristano e Nieddera, gli olivi e gli ortaggi tipici del territorio. In quanto Fattoria didattica, presso l’azienda è vivace inoltre la promozione di attività formative sul processo del cibo dalla terra alla tavola rivolte a piccoli e grandi fruitori.

KING HOWL

I King Howl si formano a Cagliari nel novembre 2009. Suonano Heavy Blues. I suoni della prima metà del novecento di gente come Son House, Howlin’ Wolf e Robert Johnson vengono filtrati assumendo forme diverse, incorporando gli stili dello stoner rock, del funk, dell’hardcore punk, della psichedelica, in un crossover elaborato in maniera spontanea, teso a rendere il live – set un flusso di suono mai interrotto, che muta ad ogni brano parlando la lingua del blues con accento sempre diverso. La band ha all’attivo un E.P di tre brani uscito nel 2010, il disco d’esordio “King Howl Quartet”, prodotto da Talk About Records nel 2012 e distribuito e promosso in tutta Europa da Go Down Records, e l’ultimo “Truck Stop Ep”, album di quattro tracce registrato e mixato da Gabriele Boi (Mojomatics, The Rippers). Fin dalla propria formazione i King Howl vantano una copiosa attività live, che li ha portati su tantissimi palchi nazionali e internazionali (Germania, Austria, Belgio, Francia, Repubblica Ceca, Svizzera), partecipando spesso a festival internazionali come il Time in Jazz (Berchidda), Maximum Festival (Treviso), Freiburg Fuzz Fest (Friburgo in Brisgovia, GER), Crumble Fight Fest (Montaigu, FR) Pietrasonica (Udine), Marina Cafè Noir (Cagliari), opener per Fatso Jetson, Yawning Man, Siena Root, Greenleaf, My Sleeping Karma, Bob Margolin, Tre allegri Ragazzi morti, Il Teatro degli Orrori, Salmo.

Sa-Spiseddadura-famiglia-orro-tramatza-sardex-antasTALK ABOUT RECORDS

Talk About è un’etichetta indipendente nata in Sardegna nel 2008. In questi anni si occupata della pubblicazione di dischi di musica rock’n’roll e blues, producendo artisti nazionali come River of Gennargentu, The Blues Against Youth, King Howl, Donnie, The Giannies, Kekem. In parallelo, è impegnata nella realizzazione di eventi musicali di vario genere, dalla creazione e produzione di festival, alla lavorazione di tour nazionali ed europei per band come King Howl, Limestone Whale, Rekkiabilly, The Giannies. Hanno parlato delle produzioni Talk About le redazioni di La Repubblica, XL, Rockit, Il Manifesto, Radio 1 Rai, Rock Hard, Buscadero, Rockit, Moby Dick Radio 2, Soda Shop (USA), Cosmic Lava (GER), Rock Times (GER), Stoner Rock GR (GRE), Musiczine (FR) e tanti altri.

ANTICA DIMORA DEL GRUCCIONE

Operativa dal 2002 come albergo diffuso, tipologia ricettiva che, nata per la tutela delle specificità abitative esistenti, offre agli ospiti ristorazione e camere dislocate in più stabili. Realizzato, nel suo edificio principale, in una casa patrizia del XVIII secolo, l’albergo ben esprime questa particolare modalità del sostare, che la gestione, curata ancora oggi dalla proprietà originaria, ritiene debba inoltre trovare la sua coerente applicazione anche nell’offerta di un “mangiare” esclusivamente fondato sui prodotti delle piccole aziende sarde dell’agro alimentare di eccellenza e, ove mancanti, sui prodotti del commercio equo solidale. Segnalata nelle più autorevoli Guide nazionali e internazionali la “Antica Dimora del Gruccione”, sede didattica della “Università di Scienze Gastronomiche” di Pollenzo, ha ricevuto numerosi riconoscimenti per le attività svolte a promuovere in Sardegna un turismo di conoscenza “sostenibile” e “integrato” nel territorio, per il rispetto della persona, della biodiversità e dell’ecosistema.

ANTAS

Rivista bimestrale che si occupa di storie e personaggi della cultura sarda. Al suo interno interviste a musicisti, scrittori e artisti isolani. Antas nasce nel 2014 con l’obiettivo di valorizzare a vari livelli le forme culturali e artistiche della nostra terra. Editore PTM Editrice di Claudio Pia, Direttore Pierpaolo Fadda e Curatore Grafico Simone Riggio.

Per gli iscritti al circuito Sardex.net c’è la possibilità di comprare la prevendita a 10 srd che include un bicchiere di spiseddadura con un panino o piatto per ciliaci o vegetariani, vino e concerto gratis!

Per info e prenotazioni info@famigliaorro.it.

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni