Sa Die de sa Sardigna 2015

Pro Sa Die de sa Sardigna eventos dae su 24 a su 30 de abrile in S’Alighera, Casteddu, Aristanis, Nùgoro e Tàtari!

“Sa Die de sa Sardigna ocannu at a èssere una die noa, fata prus che totu pro is piciocos e chi at a pertocare is logos de sa terra nostra. At a incruire iscolas, assòtzios e unas cantas trumas de volonteris chi ant agatadu maneras noas pro regordare custa die”. Custos sunt is faeddos imperados dae s’assessore de s’Istrutzione Pùblica, BenesCurturales, Informatzione, Ispetàculu e Isport, Claudia Firino, in su blog cosa sua pro fàghere ischire de s’editzione de su 2015 de Sa Die de sa Sardigna.

“Giovedì 23 aprile presenteremo il calendario delle celebrazioni per Sa Die de sa Sardigna. Sarà una Sa Die ‘noa’, rivolta alle nuove generazioni e legata alla quotidianità dei luoghi della nostra terra. Avrà contorni sfumati per includere tutti, scuole, associazioni, gruppi spontanei, che senza chiedere nulla hanno pensato nuovi modi per celebrare e affermare la nostra identità.” Con queste parole l’assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Claudia Firino aveva annunciato, nel suo blog, l’edizione 2015 de Sa Die de sa Sardigna.

Giòbia in Casteddu in sa Biblioteca Regionale ant presentadu su programma e e ant fat una dibata a pitzus de sa Die, chirchende de premiare is ideas de is scolas, assòtzios e comitados. Ant a èssere 40 is atòbios in sas citades sardas (Casteddu, Nùgoro, Aristanis,Tàtari, S’Alighera).

Durante la conferenza stampa di presentazione del programma di #sadienoa a Cagliari presso la Biblioteca Regionale, si è ribadito il carattere di festa popolare e la volontà di premiare iniziative proposte e organizzate dal basso grazie all’impegno di scuole, associazioni e comitati. Sono quaranta gli eventi previsti nei capoluoghi storici (Cagliari, Nuoro, Oristano e Sassari) più Alghero.

Ant a cumentzare dae su 24 de abrile, is atòbios pro sa festa de Sa Die de Sa Sardigna. Una die de grandu importu pro is sardos, sa Die chi serbit pro regordare ca a si rebellare a is opressores est un òbrigu pro bìvere in Libertade, proite is abisòngios de unu pòpulu non tocat a ddos delegare, ma abisòngiat a si ddos pigare, agiudendi∙sì de pare a pare, sa Die chi serbit pro si prexare de su chi semus istètios e pro pensare a comente amus a pòdere èssere.

Cominceranno a Sassari il 24 aprile gli appuntamenti per celebrare Sa Die de Sa Sardigna. Il 28 è un giorno di grande importanza per i sardi, un giorno necessario per ricordare che ribellarsi agli oppressori è un obbligo di tutti i cittadini verso la Libertà, perché i bisogni di un popolo non possono essere delegati, ma bisogna prenderseli, aiutandosi l’un l’altro. Un giorno, infine, che serve per essere fieri di ciò che siamo stati e riflettere su ciò che siamo e saremo.

In custas dies nch’ant a èssere unos cantos atòbios, presentadas de lìbros, proietziones de films, bìsitas guidadas in sardu, ballos in pratza, istòrias de Sardos e de Sardigna, laboratòrios de coghina e àteras cosas meda, chi nos ant a serbire pro imparare e abarrare paris.

In questi giorni, fino al 30 Aprile, ci saranno numerosi appuntamenti, presentazioni di libri, proiezioni, film, visite guidate in sardo, balli in piazza, storie di sardi e di Sardegna, laboratori di cucina e tante altre cose che ci permetteranno, chissà se un po’ di più, di imparare a stare insieme.

Programma completo su www.sadie2015.eu e sull’omonima pagina Facebook.

 

Testi di Laura Fois e Tiziana Furcas

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni