Riccardo Figus: «Sardex ha ridato vita al commercio»

Amministratore, assieme al fratello Carlo, dell’azienda di famiglia “Figus Arredamenti” a Villasor, l’imprenditore ha aderito al Circuito due anni fa. Nella rete ha trovato tantissimi clienti nuovi e altrettante opportunità di spesa.

Un foglio piegato in quattro e una penna blu su cui appunta cifre in continuazione. Amministratore, assieme al fratello Carlo, dell’azienda “Figus Arredamenti” fondata dal padre cinquant’anni fa, Riccardo Figus è la quintessenza della praticità. Seduto dietro la scrivania del suo ufficio in via Serra a Villasor, l’imprenditore accompagna con un numero ogni risposta sulla sua esperienza di aderente al Circuito.

Per lui Sardex è un utensìle in più nella cassetta degli attrezzi del commerciante 2.0. «Ci siamo iscritti circa due anni fa dopo un’attenta valutazione. Siamo stati inizialmente molto prudenti ma – sorride – abbiamo rapidamente cambiato passo. Per un’attività come la nostra, incentrata soprattutto sulla vendita di mobili ed elettrodomestici, era essenziale poter capire come spendere i crediti incassati dalle vendite. Il Circuito offre migliaia di possibilità. Certo occorre cambiare le proprie abitudini di acquisto, magari bisogna spostarsi un poco ma tra Villasor e il circondario; per quanto mi riguarda trovo tantissime opportunità: dalla macelleria al meccanico passando per l’alimentare, la cancelleria, il panificio, la farmacia, la rivendita di bombole giusto per fare alcuni esempi».

Con un corollario positivo ulteriore, la riscoperta di un piacere tutt’altro che secondario: «Io e mia moglie abbiamo ripreso a girare, a curiosare per capire quali attività stanno dentro il Circuito. Mi guardo intorno e il paese vive grazie a Sardex. Mi piace vedere che con i crediti che incasso e che spendo contribuisco al benessere del mio vicino».

Ogni credito speso, infatti, aiuta un’attività del paese, del territorio, della regione: «In negozio lavoriamo in cinque, io e mio fratello le nostre rispettive mogli e un altro dipendente, e stiamo parlando di famiglie che hanno tratto indubbio vantaggio dall’ingresso del negozio nel Circuito. Sicuramente abbiamo aumentato il nostro giro d’affari conquistando clienti che mai avremmo avuto. L’ultimo esempio è la consegna di un elettrodomestico che faremo a giorni a Olbia, cioè dall’altra parte dell’isola. Ne abbiamo fatte anche a Gonnostramatza e pure poco lontano da qui, a Vallermosa. Tutte piccole vendite, prese singolarmente, che sommate fanno la differenza».

I crediti incassati sono spesi senza problemi: «Di recente sono stato ad Alghero in un agriturismo meraviglioso che senza il Circuito non avremo mai conosciuto. Era strapieno, appena ci siamo visti abbiamo instaurato un bellissimo rapporto che è andato ben oltre quello commerciale. Mi sono trovato talmente bene da averlo consigliato a un altro iscritto che conosco bene».

Ma Sardex attira pure euro: «Nel fine settimana appena trascorso sono stato a Sanluri in un agriturismo; una volta arrivati abbiamo scoperto che aderiva a Sardex. Due di noi, iscritti, hanno pagato in crediti e gli altri in moneta corrente. Ci torneremo di sicuro e faremo incassare ancora sardex ed euro».

Altro versante importante riguarda le spese per l’attività: «Abbiamo affrontato in crediti parte delle spese di ristrutturazione di un negozio (edilizia, idraulica, impianto elettrico) che adesso abbiamo affittato; sempre col sostegno del Circuito stiamo portando avanti quelle che riguardano l’ammodernamento del locale in cui esponiamo i mobili. Anche parte importante dello stipendio mio e di mio fratello è in crediti – è dinai (denaro ndr)– sottolinea ridendo – che ci consente di usare gli euro per altre cose importanti come il pagamento di bollette, tasse e per quanto mi riguarda pure per far studiare mio figlio. A conti fatti Sardex non ti risolve i problemi ma aiuta».

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni