Pizzeria Regina Margherita: la “pizza sospesa” è in sardex

Continuano i gesti di solidarietà dal Circuito Sardex. A Tortolì la Pizzeria Regina Margherita ha istituito la “pizza sospesa” per aiutare la comunità e portare un sorriso a chi ne ha bisogno.

Ci troviamo a Tortolì presso l’iscritto Sardex Pizzeria Regina Margherita. Qui, tra una buona pizza napoletana e l’altra, il locale ha deciso da marzo di istituire l’iniziativa della pizza sospesa, un modo per portare il sorriso alla comunità e a chi ha bisogno in questo momento di emergenza e distanza.  Abbiamo intervistato la titolare Ramona Vitolo, che ci ha raccontato come sia nata l’iniziativa e in cosa consista.

Come è nata l’idea di avviare questa iniziativa?
“L’idea è nata dalla richiesta di un altro associato Sardex di fare una consegna -pagata da lui- a chiunque noi volessimo. Una sera mi ha contattato per ordinare delle pizze ma ci ha chiesto di recapitarle a chi secondo noi ne avesse bisogno. L’idea ci è piaciuta subito e insieme al suo contributo abbiamo aggiunto altre pizze e abbiamo pensato di far passare una serata diversa agli anziani ospiti dell’RSA di Tortolì che sono rimasti piacevolmente sorpresi”.

Come sta procedendo al momento?
“Al momento stiamo pubblicizzando l’iniziativa e speriamo che possa diventare una routine anche dopo il periodo di emergenza, perché è bello pensare che grazie al nostro contributo anche chi non ha la disponibilità si possa permettere di fare qualcosa che altrimenti non potrebbe fare: che sia una pizza, una cene o una colazione al bar”.

Sono nate nuove collaborazioni con gli iscritti durante l’emergenza?
“Più che collaborazioni stiamo conoscendo nuove persone, grazie al circuito Sardex, che forse non avremmo conosciuto.

Pensate di avviare nuove collaborazioni in futuro?
“Spero che in futuro si possano avviare diverse collaborazioni in modo da aiutarci gli uni con gli altri”.

Suggeriresti alle aziende non ancora iscritte di partecipare al Circuito?
“Lo consiglierei, infatti spesso ne parlo con i conoscenti che hanno aziende perché onestamente vedo un grande potenziale in quest’iniziativa, tutto sta nel comprendere il meccanismo del Circuito. Spero che in tanti riescano a capire che potrebbe rappresentare una valida alternativa per le imprese”.

Per contribuire all’iniziativa, ci spiega la titolare, è sufficiente contattare la pizzeria sulla pagina Facebook, tramite Whatsapp o con una chiamata. Si potrà pagare la pizza sospesa anche tramite l’app Io pago Sardex. 

Sono questi i piccoli e grandi gesti che rendono il Circuito e la comunità di persone che lo compongono forte in questi momenti, diffondendo positività, avvicinandoci e ricordando a tutti che andrà tutto bene.

 

 

 

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni