Marco Meli: «Abbiamo creato un laboratorio di degustazione»

Cibi e bevande di nicchia da assaporare e da acquistare. Se Solo Fosse Sale è la scommessa dell’imprenditore che, assieme al socio Matteo Serra, ha puntato tutto su qualità e ricerca. Un’idea diventata realtà anche grazie al sostegno di Sardex.

«Abbiamo creato un laboratorio di degustazione che costruisce percorsi di abbinamento tra cibi e bevande». Seduto al tavolo del locale aperto nello scorso dicembre assieme al socio Matteo Serra, Marco Meli descrive con dovizia di particolari quella che sente e vive come una creatura sulla quale riversa tutta la passione e le attenzioni possibili. A partire dal nome, Se Solo Fosse Sale, e dalla collocazione: piazza Costituzione a Cagliari, a due passi dal Bastione di Saint Remy.

L’imprenditore, 27 anni, laurea In Economia, spiega: «Il nome è particolare e parte da una riflessione personale sulla necessità e la bellezza di andare al cuore delle cose, al sale delle stesse, con riferimento a ciò che per eccellenza conferisce gusto. Se Solo Fosse Sale che ho realizzato con il mio socio Matteo Serra parte da un sogno, trattare materie prime d’eccellenza e lavorarle al meglio. Sono appassionato di vini e sto completando la formazione da sommelier».

Il risultato è una guida ragionata e intrigante all’insegna della qualità. Un luogo dove poter gustare e acquistare: vini, birre, salumi, formaggi, prodotti sott’olio, miele, confetture, sali particolari e dove si propongono menù decisamente originali per colazione, pranzo e cena.

«Prestiamo massima attenzione alla qualità in tutti i suoi aspetti: dai prodotti agli abbinamenti passando per il servizio e per la scelta degli arredi», precisa con convinzione Marco che supervisiona le attività di otto persone divise tra zona mescita, sala interna, salumeria, cucina. «Offriamo sapori inediti che sono legati indubbiamente e prodotti di nicchia perché – prosegue – ci piace proporre esperienze e invitare alla riflessione su ciò che mangiamo».

Avventura resa possibile anche grazie al Circuito: «Abbiamo conosciuto Sardex due anni fa quando eravamo impegnati con un’altra attività e ne abbiamo colto la convenienza».

Utilità relazionale ed economica: «Indubbiamente – sottolinea Marco – il Circuito ci ha permesso di acquistare vari prodotti in crediti e di acquisire nuovi clienti con una maggiore propensione alla spesa. Cerchiamo di spendere e incassare allo stesso modo. Sul primo versante non abbiamo problemi, perché compriamo alcuni vini e birre e abbiamo comprato pure parte degli arredi di questo locale. Sul secondo fronte invece abbiamo ancora qualche difficoltà. Sardex per noi è un interscambio virtuoso».

*foto di Valentina Zuddas 

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni