Daniela Pirisi, ristorante Mandiga Lestru: «Sardex? Un’idea perfetta»

Duecentonovantadue transazioni nell’ultimo anno, l’imprenditrice sfrutta al massimo le relazioni create dentro il Circuito. Nuovi clienti che occupano i tavoli del suo ristorante a Macomer, nuovi fornitori e possibilità di affrontare spese importanti non usando euro. Una rete alimentata dalla fiducia e dal tempo dedicato dal singolo iscritto che, in cambio, offre tantissime opportunità aggiuntive e complementari rispetto a quelle del mercato tradizionale.

Duecentonovantadue transazioni negli ultimi 12 mesi, quasi una al giorno, con spostamenti frequenti «perché la nostra zona è scoperta per molti generi di attività» e una certezza «Sardex è risorsa straordinaria». Daniela Pirisi, proprietaria del ristorante Mandiga Lestru a Macomer, è la quintessenza della dinamicità.

Nel Circuito dal 2015, la ristoratrice ha ereditato dal titolare precedente dell’attività l’iscrizione al network: «Ho rilevato il ristorante nel 2015 e l’attività era già nel network, io ho proseguito perché l’idea mi è piaciuta sin da subito».

I vantaggi? Tanti e di vario tipo: «Prima di tutto ho nuova clientela, poi riesco a trovare in crediti merci e attrezzature per il locale, come la lavastoviglie, impiegando gli euro per cose importanti come le tasse ad esempio. Inoltre ho acquisito qualche fornitore nuovo anche se non sempre nelle vicinanze tra Borore, Abbasanta e Ozieri. Premetto che la mia zona è scoperta per tante cose tuttavia riesco a trovare pesce, ma mi devo spostare di 55 chilometri, attrezzature per il locale, tovagliati, carta in generale e anche in questo caso la distanza da coprire è simile. Va meglio per la frutta ma qua a Macomer per il locale non c’è niente anche se trovo opportunità per soddisfare spese personali come l’acquisto di abbigliamento sportivo. Sempre a livello personale ho potuto fare un viaggio in Piemonte pagando l’agenzia in crediti. In euro non lo avrei mai fatto».

Tirando le somme: il circuito Sardex è carburante aggiuntivo in termini di affari. Tavoli, potenzialmente vuoti, che vengono occupati dagli iscritti i quali garantiscono incassi in crediti e un conseguente aumento del fatturato contribuendo così a far marciare al meglio il ristorante di piazza Sant’Antonio dove lavorano tre dipendenti oltre la titolare.

Ma allo stesso tempo il network è bacino cui attingere per dare gambe a idee nuove e per alimentare i desideri: «Vorrei riverniciare le pareti del locale e magari farmi un altro viaggio visti i sacrifici che faccio ogni giorno. Più in generale mi auguro che nella zona ci siano più iscritti. Sardex – conclude Daniela – è un’idea perfetta».

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni