L’Orto di Eleonora in prima linea per gli ospedali della Sardegna

Da sempre impegnati in varie iniziative benefiche, gli iscritti de L’Orto di Eleonora sono scesi in campo anche durante l’emergenza con donazioni e aiuti per sostenere la comunità e gli ospedali dell’isola.

Continuano i gesti di generosità da parte della comunità e delle aziende del Circuito. Dopo l’estensione del periodo di lock down tanti hanno cercato di dare un’ulteriore aiuto ai soggetti in difficoltà, continuando a diffondere ottimismo e speranza.

Lo sanno bene gli iscritti de L’Orto di Eleonora,  Coop Agricola di Terralba da sempre impegnata in attività di beneficenza e da inizio marzo scesa in campo per aiutare la comunità e gli ospedali nella lotta contro l’emergenza Coronavirus. Proprio a marzo l’azienda ha donato un’intera fornitura di Fragolose, le fragole sarde da loro prodotte, a tutto il personale dell’ospedale di San Gavino Monreale, regalando un sorriso agli operatori sanitari.

Ma i gesti di solidarietà non finiscono qui. Ci racconta Salvatore Lotta, direttore commerciale dell’azienda, come l’Orto di Eleonora sia da sempre impegnato in iniziative benefiche locali e non. Dalle cene ed eventi per sostenere i bambini in Africa alle donazioni a LILT, fino al sostegno alle vittime di violenza domestica e tanto altro.

Lotta ci spiega da cosa nasce il desiderio di fare del bene e di dare una mano anche durante questa emergenza:

“In questo momento di estrema difficoltà ci siamo subito detti che dovevamo fare qualcosa di più per dare una mano agli ospedali viste le difficoltà a cui sta andando incontro il sistema sanitario. Crediamo che sia importante dare una mano donando generi alimentari a chi a causa del blocco delle attività, si trova senza risorse per il sostentamento. Dobbiamo essere attenti e far sentire a queste persone meno fortunate la vicinanza della comunità, il non sentirsi soli ci darà la forza di ripartire.

A fine marzo L’Orto di Eleonora ha continuato a far sentire il suo sostegno alla comunità con nuove donazioni e iniziative. Sempre all’ospedale di San Gavino Monreale l’azienda ha fatto recapitare un consistente numero di maschere e tute protettive per gli operatori.

A metà aprile ecco la sorpresa all’ospedale San Martino di Oristano. Gli operatori hanno ricevuto una tenda da campo donata in collaborazione con la società cooperativa Agricola Campidanese. La tenda è stata donata come presidio per effettuare screening a tutto il personale sanitario del territorio e soprattutto per essere usata come Laboratorio Analisi per gli utenti che hanno bisogno di effettuare prelievi. In questo modo è stato ripristinato un servizio alla comunità proteggendo la salute dei cittadini, che accedendo alla tenda non dovranno entrare nella struttura ospedaliera.

Sempre dal mese di marzo, è inoltre attiva la campagna di raccolta fondi per gli ospedali dell’isola attraverso la vendita delle Fragolose. Acquistando una confezione o più delle fragole sarde infatti, una parte del ricavato sarà devoluta in beneficenza a sostegno delle strutture sanitarie della Sardegna.

Quando chiediamo a Lotta se nel prossimo futuro sono previste collaborazioni con altre aziende del territorio, la sua risposta arriva ricca di buona volontà e speranza. Ci risponde così: “Siamo pronti a portare avanti qualunque iniziativa e collaborazione per sostenere la filiera italiana e in particolare la filiera sarda. Inoltre siamo disponibili ad intraprendere sinergie con tutte quelle aziende che ne avessero bisogno.”

Un messaggio non solo di speranza ma anche di incoraggiamento. In questo periodo di difficoltà è necessario che ognuno di noi aiuti l’economia e i cittadini a superare l’emergenza attraverso grandi o piccoli gesti. Come Circuito anche Sardex condivide questo pensiero, consapevole che ora più che mai è necessario che la comunità locale sia pronta a sostenere tutti coloro che ne fanno parte, dalle imprese al singolo cittadino.

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni