Giuseppe Boi: «Sardex? Un affare per l’azienda e per i dipendenti»

Con l’iscrizione al Circuito, il titolare di Pronto Casa Manutenzioni di Villacidro, ha trovato occasioni di lavoro preziose durante la crisi economica così da compensare la caduta di introiti sul versante euro. L’imprenditore, assieme al socio in affari Angelo Mascia, spiega come il network sia diventato un solido punto di riferimento anche per i suoi dipendenti.

Argine contro la crisi e ponte verso nuove opportunità. Iscritto di lunga data – dal 2010 – Giuseppe Boi,  titolare assieme ad Angelo Mascia di Pronto Casa Manutenzioni, ha sperimentato nel concreto l’utilità del Circuito: «Ci siamo iscritti nel 2010, in un momento molto delicato perché i lavori in euro erano crollati, soprattutto nel settore pubblico. Sardex ci ha fatto acquisire clientela preziosa dandoci una mano a superare le difficoltà. Ma col passaparola virtuoso siamo riusciti anche a guadagnare euro perché siamo stati contattati da non iscritti che ci hanno concesso fiducia. È accaduto moltissime volte».

Assieme al socio, l’imprenditore ha creduto sin dal primo giorno nella bontà dello strumento che è diventato solido punto di riferimento tanto per l’azienda quanto per i dipendenti. «Il 1°maggio – spiega con una punta d’orgoglio mentre è seduto dietro la scrivania del suo ufficio – abbiamo festeggiato i 27 anni di attività».

Una ricorrenza importante per l’impresa con sede a Villacidro, specializzata in termoidraulica, e che conta sei dipendenti: «Siamo orgogliosi di quanto fatto sinora – sottolineano all’unisono Boi e Mascia – e sappiamo che in questo percorso Sardex ha giocato un ruolo importante».

Nel concreto centinaia di strette di mano, di collaborazioni, che hanno determinato vantaggi relazionali ed economici tangibili: «Abbiamo acquisito tantissimi nuovi clienti e fatto lavori, piccoli e grandi, in varie parti dell’isola: Sassari, Nurri, Cagliari, Selargius e Monserrato giusto per citarne alcuni; si tratta di opportunità che in euro non avremmo avuto e che ci hanno consentito di fare pubblicità aggiuntiva».

Nessuna difficoltà a spendere i crediti incassati: «Il nostro problema – affermano sorridenti i due soci – è che abbiamo sempre pochi sardex rispetto alle necessità. Li usiamo praticamente per tutto. Di recente, ad esempio, abbiamo acquistato un furgone per l’azienda. Sempre nel Circuito compriamo il materiale di cancelleria, stampanti e computer, paghiamo il consulente del lavoro. A livello personale, poi, facciamo fronte a tantissime spese: alimentare, abbigliamento, vacanze. Così anche i nostri dipendenti, che hanno parte minima della retribuzione in sardex. Uno ad esempio, li sta usando per i lavori di casa. Alla fine si tratta di un sistema virtuoso di scambio di lavoro nel nostro territorio che aiuta persone e imprese».

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni