I Circuiti di Credito Commerciale festeggiano i 100 milioni di crediti transati nel 2017

Il traguardo riguarda il valore complessivo degli scambi di beni e di servizi avvenuti nei dodici circuiti. Un risultato straordinario che sarà punto di partenza per un 2018 ricco di novità con progetti nuovi per cittadini e imprese.

Cento milioni di crediti scambiati nel 2017. È il traguardo appena raggiunto dai dodici Circuiti di Credito Commerciale presenti sul territorio nazionale. Un obiettivo impensabile solo pochi anni fa e ottenuto grazie alla crescita costante del modello – nato in Sardegna nel 2010 – e replicato al di fuori dei confini regionali con successo crescente. Imprese e persone che oggi, dentro un’economia di prossimità basata sulla fiducia e sul mutuo sostegno, possono scambiarsi tra loro beni e servizi e farsi credito reciprocamente senza interessi.

Dietro questo numero straordinario – 100 milioni – c’è non solo ricchezza messa in movimento con ricadute positive nei territori ma anche e soprattutto una grandissima opera di fiducia che si rinnova quotidianamente. Prima e dopo ciascuna transazione all’interno di ogni Circuito c’è una stretta di mano tra gli aderenti che suggella il patto tra di loro e la comunità di riferimento.

Stiamo parlando di oltre 9 mila imprese e professionisti che hanno deciso di aderire ad un progetto di economia che punta a rivitalizzare il tessuto produttivo locale rimettendo al centro di tutto la relazione tra le persone: dalla Sardegna – dove tutto è nato e dove si concentra la maggior parte di iscritti e la quota più significativa di transato – sino alla Valle d’Aosta, la regione in cui è sorto l’ultimo Circuito.

Tuttavia la meta appena raggiunta è solo la tappa intermedia di un processo di crescita che nel 2018 vedrà: il completamento della geografia italiana; l’avvio di programmi che coinvolgeranno consumatori e pubblica amministrazione; l’inizio del percorso per esportare il modello all’estero.

Nel frattempo già in questi mesi sono state messe perfezionate e messe in atto alcune strategie volte ad arricchire le opportunità di accesso al credito per gli iscritti. Un esempio è dato dall’accordo tra Banca Etica e i Circuiti Sardex, Piemex e Liberex che ha già consentito di finanziare alcuni investimenti a condizioni particolarmente vantaggiose.

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni