Alessandra Polo: vi spiego il successo di Instagram e dei social media

Intervista alla co-fondatrice di Instagramers Italia.

Libera professionista, social media strategist, socia fondatrice dell’associazione Instagramers Italia, a capo del social media team di Igersitalia e fondatrice delle community di Instagramers della Sardegna, punto di riferimento per attività di social media marketing dentro Open Campus, nerd dei social media e giramondo, grazie ai social. È Alessandra Polo, sassarese, cittadina di Cagliari da 10 anni.

Alessandra, in due parole, cosa fai?

Aiuto persone, organizzazioni, aziende a utilizzare i social network per farsi conoscere, utilizzare i propri servizi e prodotti. Spiego come utilizzarli. Di solito individuo in azienda qualcuno da formare. Se non mi occupo di formazione propongo consulenza su piani editoriali e strategie di comunicazione, oppure mi chiedono di gestire in prima persona la comunicazione social.

Perché sono importanti questi social?

Sono imprescindibili per chi vuole promuoversi, specialmente in ambito turistico. Nel 2012 ho fondato il gruppo Instagramers Sardegna, con il fine di promuovere il territorio sardo in Italia e all’estero e far crescere la community locale di appassionati di Instagram. Ciò che facciamo è raccontare la Sardegna attraverso una narrazione continua, con uno storytelling dedicato ai simboli e alle bellezze del territorio, alle sue unicità, agli eventi più importanti. Da poco abbiamo lanciato il progetto di storytelling e marketing territoriale #dafareinsardegna, in collaborazione con La Nuova Sardegna. Una rubrica che ha avuto successo è stata #Sardegnaintavola, un challenge durato un anno e che ha previsto mostre itineranti, così itineranti che probabilmente faremo una mostra anche in Giappone!

A cosa è dovuto il successo di Instagram?

Alla sua semplicità, immediatezza, velocità. Instagram ti rende un po’ fotografo, e le foto parlano da sole. Tu stai comodamente seduto sul divano, scegli un tag e inizi a viaggiare, puoi tracciare il percorso che volevi fare. Instagram è soprattutto un prodotto da mobile. Oggi smartphone e social fanno parte delle nostre vite sin dal nostro risveglio. Su Instagram parliamo di turismo, di arte, ci son musei che utilizzano questo canale, e non a caso si parla di visual storytelling, cioè una storia inizia con un’immagine che ti racconta qualcosa. Ha un forte impatto, e anche un ritorno, ma se lo curi bene! In Sardegna segnalerei alcuni account che funzionano: Hotel Su Gologone, Centro Velico di Caprera, Cantina Audarya, Leggendo Metropolitano, Teatro Lirico di Cagliari.

Instagram è ancora una novità per molti?

alessandra-polo-instagramAssolutamente, un po’ come il mio lavoro. Se Instagram fa notizia è perché se ne parla molto anche per la sua capacità di coinvolgere tante persone con poco. Da una parte, ciò che stupisce è il movimento dal basso, che stimoliamo attraverso passeggiate fotografiche, biciclettate, concorsi ed eventi come Instameet, Invasioni Digitali. Diciamo che ciò che facciamo noi molti enti non lo stanno facendo. Dall’altra, anche grazie a questi incontri stiamo ricevendo molte attenzioni dai media (collaboriamo anche con Sardegnaeventi24, Sardegna oggi, La Sardegna.net, Sardegna Blog), ma anche dalle aziende, perché è un modo efficace di fare web marketing turistico, o più semplicemente di farsi conoscere. Abbiamo poi realizzato dei contest fotografici finalizzati al racconto della Sardegna e delle sue eccellenze, con THotelBirra Ichnusa, Dinamo Sassari, Hotel Cualbu di Fonni, per citarne alcuni, e supportato la campagna Mycagliari2019, per la candidatura di Cagliari a capitale europea della cultura. Ha poi avuto grande successo il contest #Tlovecagliari che ha dato vita alla prima “instamostra” su Cagliari inaugurata durante il 1° instameet di instagramers Sardegna. In tutti questi casi si è verificato un coinvolgimento pazzesco, abbiamo raccolto una mole di foto, suggerimenti e testi impressionanti. Le persone scattando una semplice foto dimostrano di volersi avvicinare al territorio per conoscerlo, ma capita anche che spesso scoprano posti nuovi.

Parlano i dati: Instagram, nato nel 2010, comprato da Facebook nel 2012, ha raggiunto nel 2015 i 300 milioni di utenti attivi al mese a livello globale (2,4 milioni in Italia), ed è il social network che genera maggior livello di engagement. Su Instagram vengono pubblicate oltre 30 miliardi di foto, caricate al ritmo di 70 milioni al giorno, che ottengono 2,5 miliardi di like quotidiani. Dai importanti riguardano il gruppo Instagramers Sardegna: ad oggi è la community Instagramers più seguita d’Italia per numero di follower, grazie al lavoro costante e di qualità che viene fatto dai suoi amministratori: Alessandra Polo, Valerio Formigaro e Nico Massa. In crescita anche le community igers_cagliari, igers_sassari, igers_barbagia_ogliastra e igersoristano. È il fascino e il valore di Instagram, percepito e recepito anche in Sardegna: la possibilità di contribuire con uno scatto a produrre un enorme archivio fotografico, tascabile e itinerante, e di raccontare e i territori e le persone che li vivono.

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni